Fino al 9 Dicembre 2012, l’ Andito degli Angiolini e la Galleria del Costume di Palazzo Pitti a Firenze ospitano la mostra sui nativi d’ America intitolata: “La nuova frontiera. Storia e cultura dei nativi d’ America dalle collezioni del Gilcrease Museum”. Si tratta di un’ esposizione organizzata per far conoscere al grande pubblico la storia, le tradizioni, la cultura e i costumi degli Indiani d’ America.

La mostra di Palazzo Pitti a Firenze è stata realizzata con il supporto del Gilcrease Museum di Tulsa (Oklahoma), uno dei musei più significativi per la storia del Nord-America. Il Gilcrease Museum è infatti un museo particolarmente ricco e interessante, un punto di riferimento imprescindibile per chi è interessato alla storia e alla cultura dei nativi d’ America. La dedizione e l’ impegno che questo museo ha sempre dimostrato nel far conoscere la cultura degli indigeni in tutto il mondo lo ha portato a collaborare anche con Firenze per la realizzazione di questa mostra.

La cultura dei nativi d’ America

I nativi americani vissero nelle terre del nord di quell’ immenso continente che è l’ America. Prima dell’ arrivo dei coloni bianchi (che vi giunsero più o meno a partire dal Seicento), gli indiani d’ America avevano sviluppato una cultura molto spirituale. La mostra di Palazzo Pitti la rende accessibile al grande pubblico.
Attraverso una ricca esposizione di oggetti di uso quotidiano, vestiti, armi, dipinti, fotografie, la mostra di Firenze permette ai visitatori di comprendere meglio la cultura e la storia dei Nativi Americani. L’ impressione che se ne ricava è che l’ immagine stereotipata fornita da alcuni vecchi film americani sugli Indiani d’ America è quanto di più lontano dalla verità. I “Pellerossa” non erano infatti rozzi e privi di cultura come i vecchi pregiudizi americani lasciavano intendere: la loro fu al contrario una civiltà molto spirituale e di alto livello, portata sempre avanti in stretto rapporto con la natura. La mostra di Palazzo Pitti è un’ affascinante viaggio alla scoperta di questa cultura, ed è la prima volta che in Europa viene organizzata un’ esposizione così ampia e di qualità su questo argomento. Il “pretesto” per l’ organizzazione di questa mostra sui nativi d’ America viene dal fatto che nel 2012 ricorre il quinto centenario della morte del grande esploratore fiorentino Amerigo Vespucci, uno dei primi scopritori del continente abitato dagli indiani d’ America.

Le sezioni della mostra di Firenze

L’ esposizione della mostra di Firenze si articola in due principali sezioni: una si trova nell’ Andito degli Angiolini e l’ altra nella Galleria del Costume di Palazzo Pitti.

Andito degli Angiolini: storia dei Nativi d’ America: foto e ritratti delle tribù

La sezione dell’ Andito degli Angiolini ha un taglio prevalentemente storico: attraverso una serie di ritratti ad olio e di ritratti fotografici dei capi e dei membri delle diverse tribù viene ricostruita la loro storia. In questa sezione della mostra fugurano anche le fotografie realizzate dal celebre antropologo e fotografo Edward Sheriff Curtis: le sue particolarissime foto (più di 40.000, realizzate nel corso di circa 30 anni di lavoro) hanno permesso di ottenere importanti informazioni sulle ottanta tribù degli indiani d’ America, da quelle del nord a quelle della zona sud-ovest. Sono famose in particolare le sue foto di celebri capi tribù come Nuvola Rossa, Geronimo e il Capotribù Joseph.

Galleria del Costume: esposizione di oggetti e manufatti dei Nativi d’ America

Nella parte espositiva della Galleria del Costume di Palazzo Pitti viene invece privilegiata la prospettiva antropologica. Sono esposti infatti parecchi oggetti di uso quotidiano e parecchi manufatti delle tribù indigene: copricapi di penne, gioielli, oggetti cerimoniali, vasellame, vari capi di abbigliamento sia maschile che femminile (fra cui alcuni abiti in pelle riccamente decorati con perline di vetro colorate). Questa sezione della mostra espone anche alcuni dipinti risalenti alla seconda metà dell’ Ottocento e ai primi anni del Novecento: sono dipinti che valorizzano la bellezza incontaminata dei paesaggi naturali, soprattutto foreste e montagne, che faceva da sfondo alla vita dei Nativi d’ America. Fra i dipinti esposti in mostra a Firenze figurano anche quelli di importanti artisti americani come Joseph Henry Sharp, William Robinson Leigh, George Catlin.

A Firenze la mostra sui Nativi d’ America fino al 9 Dicembre 2012

Titolo mostra: “La nuova frontiera. Storia e cultura dei nativi d’ America dalle collezioni del Gilcrease Museum”

Location mostra: Firenze-Palazzo Pitti (Andito degli Angiolini e Galleria del Costume di Palazzo Pitti), Piazza Pitti 1

Orario apertura al pubblico: la mostra è aperta tutti i giorni tranne il primo e l’ ultimo lunedì del mese.
Orari Ottobre 2012: dalle ore 8.15 alle ore 18.30 (con il passaggio all’ ora solare la mostra chiude alle ore 17.30)
Orari novembre e dicembre: dalle ore 8.15 alle ore 16.30

Costo biglietto ingresso mostra:
– biglietto intero €10
– biglietto ridotto €5 per i cittadini dell’ Unione Europea tra i 18 ed i 25 anni
– visita guidate per le scolaresche su prenotazione € 3.00 ad alunno.

Per informazioni: Tel 055-294883

Booking.com

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.