Tokyo, capitale del Giappone, è sempre attiva 24 ore su 24.

Omotesando, la via che unisce il ricco quartiere di Aoyama e il più giovane e trendy Harajuku, va fatta a piedi: è come attraversare una mostra di architettura contemporanea a cielo aperto. Ci sono tutte le boutique: Prada firmata da Herzog & de Meuron, Dior dallo studio Saana, e il mall di Omotesando Hills con 366 mila mq progettati da Tadao Ando.

Ma ci sono anche il Nezu Alt Museum e il Tessentaki Noh Theatre, piccolo ma tra i migliori in città.

A Tokyo ci sono 23 quartieri. Il distretto dell’hi-tech è Akihabara, ma a Ginza ci sono i paradisiaci megastore Apple e Sony.
E c’è anche il Beige, il ristorante dello chef Alain Ducasse che si trova in cima allo Chanel Ginza Building (sito internet: beige-tokyo.com).

Il Marunouchi è il nuovo polo dello shopping a Tokyo, e all’ Oazo Building c’è una grande libreria. Un indirizzo beauty è Marks&Web con tutta la sapienza jap applicata a creme, spazzole e saponi (2-4-1 Marunouchi, Chiyoda-ku).

Hotel a Tokyo: viaggio in Giappone

Al Park Hyatt (3-7-1-2 Nishi Shinjuku, Shinjuku-ku, sito internet: tokyo.park.hyatt.com) hanno girato “Lost in translation” e al 47° piano trovate piscina e centro benessere Spa deluxe.

Al Ginza Yoshimizu l’ atmosfera è Old Japan, ma tutto è eco al 100%: solo 11 camere e si dorme sui futon che vengono arrotolati la mattina (3-11-3 Ginza, Chuo-ku, sito internet: yoshimizu.com).

Ma l’esperienza da fare è l’Andon Ryokan, locanda tradizionale nel quartiere di Minowa: in camera troverete il pigiama (yukata), farete il bagno nella vasca termale e vi serviranno la cena in stanza. Tutto per solo 35 euro a notte (2-34-10 Nihonzutsumi Taito, sito internet: www.andon.co.jp).

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.