Cultura e fascino dell’ estremo oriente con echi coloniali, mare e fondali perfetti per il diving, spiagge da atollo e boschi di conifere, paesaggi da Far West e centri abitati come sulla Costa Azzurra: quelle dell’ arcipelago della Nuova Caledonia sono isole da sogno a misura d’ uomo, con entroterra da esplorare e una varietà sterminata di paesaggi.

L’ arcipelago della Nuova Caledonia fa parte del continente australe, ma gli indigeni hanno origini africane, asiatiche e francesi.
L’ isola ha una vocazione turistica ed è ricca di contrasti paesaggistici e culturali, di scogliere coralline, di pescose acque di un blu profondo e trasparente. Le acque dell’ arcipelago sono infatti ricchissime di specie ittiche: se ne contano oltre 1.000 a cui si aggiungono più di 6.500 tipi di invertebrati marini.

La Nuova Caledonia è un arcipelago con le caratteristiche di un continente in miniatura. Politicamente è un pezzo di Francia immerso nell’ Oceano Pacifico: si trova a 1.500 km ad est della costa australiana ed è una striscia che si allunga per 500 km, accarezzata dagli alisei.
Per metà Europa quindi, e per metà Oceania, la Nuova Caledonia è popolata da europei, melanesiani, polinesiani ed indonesiani.
Il suo capoluogo è Nouméa, che sembra una vivace cittadina della Costa Azzurra, con negozi alla moda, una vocazione per la scultura, spiagge ombreggiate dalle palme e terrazze panoramiche che si affacciano sul mare.
Il centro culturale Jean-Marie Tjibaou a Nouméa è stato progettato da Renzo Piano: ospita una permanente sulla cultura dei Kanak (abitanti di origine melanesiana della Nuova Caledonia) ed è sede di mostre, eventi e concerti in auditorium.

Il “cuore di Voh” è il simbolo della Nuova Caledonia: uno spettacolare cuore scolpito dalla natura nella vegetazione di mangrovie presso la località di Voh e visibile dal Mount Katepec.

I francesi chiamano l’ isola “Grande Terre”: la Nuova Caledonia è infatti il terzo agglomerato di isole dell’ Oceano Pacifico dopo la Nuova Guinea e la Nuova Zelanda.
Intorno all’ isola maggiore di Nuova Caledonia sorgono l’ arcipelago di Loyauté (costituito dalle isole Maré, Lifou, Ouvéa, Tiga, Mouli e Faiava), e l’ Isola dei Pini.
Upi Bay è una delle spiagge più belle
della Nuova Caledonia e si trova proprio sull’ Isola dei Pini: una baia cristallina che è un vero paradiso terrestre ritrovato. Quest’ isola fu scoperta da James Cook nel 1774 ed ha una superficie paragonabile a quella dell’ isola d’ Elba.
L’ Isola del Pini si raggiunge con mezz’ora di volo dal capoluogo dell’ arcipelago Nouméa, ed è chiamata così per via dei “pini colonnari” stretti e alti che coprono i suoi promontori.

L’ arcipelago della Nuova Caledonia non è fatto solo spiagge da sogno e paesaggi mozzafiato. In queste isole c’è proprio tutto: si può fare shopping nei negozi alla moda, assistere a spettacoli, visitare mostre, conoscere la cultura locale e praticare attività sportive: in Nuova Caledonia l’ Europa e i “nuovi mondi” si incrociano.

Come arrivare in Nuova Caledonia: collegamenti, scali e voli aerei dall’ Italia

Per arrivare in Nuova Caledonia si passa principalmente dall’ Australia, la Nuova Zelanda, il Giappone e la Polinesia Francese: scali facilmente raggiungibili dall’ Italia con
Qantas (www.qantas.com.au) e Cathay Pacific (www.cathaypacific.com).

Dai vari scali parte poi il collegamento con la compagnia di bandiera: la Air Calédonie (www.air-caledonie.nc), che vi porta nelle isole dell’ arcipelago.

Per entrare in Nuova Caledonia è necessario il passaporto valido per 6 mesi. Non occorre visto per soggiorni inferiori ai 3 mesi ed è accettata la patente di guida italiana.
La lingua ufficiale del paese è il francese.

Il periodo migliore per un viaggio in Nuova Caledonia va da Aprile a Maggio: periodo in cui si evita la stagione dei cicloni.

Booking.com

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.