Vacanze in Barbagia (Sardegna): il Supramonte, il Massiccio del Gennargentu, Orosei, Dorgali, Oliena, Orgosolo, Gavoi, Ollolai, Fonni e Nuoro.

Per chi cerca una vacanza alla scoperta di tradizioni e sapori del passato, interessanti resti archeologici di antiche civiltà e una meravigliosa natura incontaminata, l’ entroterra della Barbagia (splendida regione della Sardegna) è una meta di viaggio ideale. Un viaggio in questa zona della Sardegna (il cui territorio ricade interamente nella provincia di Nuoro) è infatti un viaggio in un territorio ancora non toccato dal turismo di massa che conserva intatte tutta l’ autenticità delle radici e delle tradizioni sarde. Inoltre questa regione è caratterizzata da una natura selvaggia, aspra e splendida, tutta da scoprire. Ma un viaggio in Barbagia ha anche una grande valenza storica e archeologica: numerosi sono infatti i centri abitati dove visitare i resti delle antiche e affascinanti civiltà nuragiche.

Viaggio in Barbagia (Nuoro-Sardegna): le bellezze naturali della Barbagia

Nel suo complesso la Barbagia è una regione collinare e montuosa, dominata dal grande altipiano del Supramonte e dal Massiccio del Gennargentu. L’ altipiano del Supramonte include il territorio di Orgosolo, Oliena e Dorgali per arrivare fino al Golfo di Orosei. Il Gennargentu è invece un vero paradiso per chi ama le escursioni essendo caratterizzato da un paesaggio naturale davvero meraviglioso che giunge fino alla costa con straodinarie falesie a picco sul mare. Con i suoi 1834 metri di altezza è il monte più alto della Barbagia, mentre gli altri rilievi hanno altezze comprese fra i 500 e i 1000 metri. I paesaggi naturali davvero mozzafiato costituiscono la prima grande attrattiva di un viaggio in Barbagia. Fra le montagne segnaliamo anche il complesso dei Monti di Lula. Il paesaggio della Barbagia è anche molto vario: oltre a monti e colline, ci sono bei laghi (come il delizioso lago di Gusana), fiumi e suggestive cascate. La bellezza paesaggistica è completata da una gran varietà di flora e fauna.

Per ulteriori informazioni utili di viaggio, leggere anche l’ articolo correlato (cliaccare qui): Itinerario di viaggio in Sardegna-il Supramonte (Nuoro) Escursioni tra Orgosolo, Oliena e Cala Gonone

Cosa vedere nella Barbagia: Orosei, Dorgali, Oliena, Orgosolo, Gavoi, Ollolai, Fonni e Nuoro

Oltre alle bellezze naturali, la Barbagia è una regione ricca anche di centri abitati di grande interesse storico e archeologico che si possono visitare durante una vacanza in questo splendido angolo di Sardegna. In Barbagia ci sono circa 30 centri abitati e ognuno offre qualcosa di interessante da visitare. Vi segnaliamo le località più significative da non perdere durante la vostra vacanza in Barbagia. A cominciare da Orosei, bella cittadina medievale ricca di raffinati edifici e di notevoli chiese: sono da vedere la Chiesa di San Giacomo Maggiore, la Chiesa di Santa Croce, la Chiesa del Rosario e la Chiesa delle Anime. Tutte e quattro si affacciano sulla Piazza del Popolo.

Un altro centro da visitare durante la vostra vacanza in Barbagia è sicuramente Dorgali, immersa in una bellissima vegetazione mediterranea. Nei dintorni di Dorgali potrete visitare il Villaggio Nuragico di Serra Orrios, un villaggio ben conservato, molto ampio e ben articolato. A una manciata di chilometri di distanza dal Villaggio di Serra Orrios visitate anche un interessante esempio di sepoltura nuragica: la Tomba dei Giganti di Thomes. Inoltre Dorgali è anche famosa per la sua ottima cucina: qui potrete rimpinzarvi di prelibatezze locali come “So moddizosu”, un’ ottima focaccia di farina di grano duro, patate, strutto e sale che di solito viene accompagnata da carni e salumi. Assaggiate anche “sa coccone chin gherda”, un altro tipo di focaccia preparata con farina di grano duro, sale e ciccioli di maiale !

E’ da vedere anche Oliena, immersa in un bellissimo paesaggio naturale dominato dal massiccio di Corrasi. Anche qui abbondano le testimonianze della civiltà nuragica: visitate ad esempio il villaggio nuragico di Tiscali che, formato da parecchie capanne, sorge in cima al monte Tiscali. Nelle vicinanze di Oliena visitate anche la risorgenza di Su Gologone, una complessa e suggestiva gola calcarea.

Quindi proseguite il vostro viaggio alla scoperta della Barbagia visitando Orgosolo, che si trova a soli 18 chilometri da Oliena: molto interessante il suo centro storico con i celebri e spettacolari murales. Orgosolo è uno dei paesi più conosciuti della Barbagia perchè sorge in una zona ricchissima dal punto di vista archeologico: ad esempio sono da visitare le Domus de Janas, necropoli di età prenuragica ricavate nel granito. Molto interessanti anche il Menhir del Neolitico e le Tombe dei giganti. La zona è ricca anche di stupende chiese in stile gotico-catalano. Inoltre nei dintorni di Orgosolo potrete visitare anche i nuraghe meglio conservati della Sardegna: ve ne sono almeno una quindicina.

Come vedete di affascinanti borghi la Barbagia è davvero ricca. Durante il vostro viaggio in Sardegna potete visitare anche Gavoi (che sorge vicino al lago di Gusana), Ollolai e Fonni, il paese più “alto” di tutta la Sardegna. In questi paesi inoltre potrete assaggiare gli ottimi formaggi locali fatti di latte ovino, caprino e vaccino: ce ne sono di diversi tipi.  

Infine segnaliamo Nuoro, il capoluogo della Barbagia, che ha un interessante centro storico. A Nuoro visitate il Museo della Vita e delle Tradizioni Popolari sarde, che sorge sul Colle Sant’ Onofrio: un bel museo che espone tessuti, costumi, oggetti e gioielli tradizionali sardi.

Booking.com

1 commento

  1. Complimenti per quest’ articolo, l’ ho trovato davvero molto interessante e ricco di dettagli per organizzare le vacanze in Sardegna nella zona di Dorgali o Nuoro. Mi piacerebbe davvero tanto visitare la bellissima Cala Gonone il mese prossimo, insieme a tutta la mia famiglia. Grazie e buona giornata!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.