Per una vacanza in Sicilia, ecco un itinerario di viaggio da cui prendere spunto per le vostre vacanze: un tour della Sicilia “on the road” ! La terra siciliana è una terra fantastica che ha tanto da offrire con la sua arte, la storia, la cucina: in una paro­la: meravigliosa !

ITINERARIO DI VIAGGIO IN SICILIA (guida viaggio fai-da-te)

COSTA NORD-EST DELLA SICILIA: Messina, Capo di Milazzo, Tindari, Santo Stefano di Calastra, Cefalù, Palermo

Si parte alla scoperta di questa terra meravigliosa che è la Sicilia. Una volta arrivati a Messina, la prima tappa dell’ itinerario di viaggio è Capo di Milazzo, dove si gode un bel panorama. Dopo una breve sosta a Capo di Milazzo, si riparte per Tindari: un affascinante luogo da cui si sovrasta tutto il panorama sottostante costituito, tra l’ altro, dai laghetti di Marinello, da alcuni anni riserva naturale. Si possono visitare le rovine di Tindari (dove si arriva con una navetta, la­sciando l’ auto al parcheggio ai piedi del paese) e il san­tuario della Madonna di Tindari. Attenzione: ricordatevi di non entrare al san­tuario della Madonna di Tindari a spalle scoperte, perchè un signore all’ ingresso è pronto a rim­proverarvi ! Comunque, se non avete nulla per coprirvi, non preoccupatevi perché all’ ingresso del santuario sono disponibili delle stole.

Dopo uno spuntino, si può fare una sosta a Santo Stefano di Calastra (sempre in provincia di Messina): patria della ceramica dove si può assaggiare anche la famosa granita di gelsi. Prendete poi la strada costiera (un pò tortuosa, ma ne vale la pena per gli scorci mozzafiato) che con­duce fino a Cefalù (in provincia di Palermo), dove si può prendere un gelato da Serio (una delle gelaterie più famose di Cefalù) e visitare il centro vivace e ricco di storia. Da non perdere assolutamente a Cefalù il Duomo: una grande cattedrale normanna. Per una cena romantica con tavolo su­gli scogli (nel vero senso della parola !) si può andare al ristorante Al Porticciolo di Cefalù (sito internet: www.alporticciolo.it), dove si mangia benissimo. Dopo la cena, ci si dirige tramite autostrada a Palermo, dove si può dormire all’ hotel Ai Cavalieri (sito internet: www.aicavalierihotel.it): è un hotel comodo, centrale e con tariffe ridot­te nei week-end.

COSA VEDERE A PALERMO: VACANZE IN SICILIA

Dedicate interamente una giornata alla meravi­gliosa città di Palermo. Potete anche usare i City Sightseeing (gli autobus rossi a due piani) se il tempo per visitare la città di Palermo non è molto. Con l’ autobus di linea (convenzionato con l’ autobus rosso City Sightseeing) potete invece raggiungere Monreale dove visitare il Duomo e il Chiostro. II sontuoso Duomo di Monreale fu fatto costruire nel XII° secolo dal giovanissimo re normanno Guglielmo II°. Stupefacenti sono i mosaici interni: 6.340 metri quadrati di splendide decorazioni, che culminano nella raffigurazione del Cristo Pantocratore (dal greco pantocrator: sovrano di tutte le cose). Palermo è una città bellissima, è viva ed è consigliabile girarla senza auto. In un itinerario di viaggio a Palermo, visitate il fantastico Palazzo Reale, la Cappella Palatina, le mura puniche e la cattedrale. Dalla cima del Monte Pellegrino si gode invece un panorama mozzafiato su tutta Palermo, da lì la vista della baia di Mondello è indimenticabile. Inoltre, la strada che conduce al Monte Pellegrino è davvero spettacolare ! Al Bar Touring di Palermo fanno gli arancini più grandi di tutta la città ! Per mangiare c’è anche l’ Anti­ca Focacceria di San Francesco di Palermo che merita una fermata: qui sono tante le specialità tipiche siciliane da assaggiare !

Per altre utili informazioni di viaggio su cosa vedere a Palermo, leggere anche l’ articolo correlato, Cliccare Qui: Cosa vedere a Palermo (vacanze in Sicilia): guida di viaggio alla città di Palermo – Itinerario di Viaggio

COSTA NORD-OVEST DELLA SICILIA: Castellammare del Golfo, la spiaggia di Guidaloca, la tonnara di Scopello (TRAPANI)

Un ottimo alloggio per qualche giorno è il Residence le Plejadi a Castellammare del Golfo, in provincia di Trapani (per informazioni e prenotazioni, sito internet: www.leplejadi.it). Questo residence è veramente carino e con­fortevole. Il paesino di Castellammare del Golfo non è niente di eccezionale, ma è una comoda base per una serie di escursioni da fare sulla costa nord-ovest della Sicilia. Da non perdere a Castellammare del Golfo sono le favolose cassatelle: dolce tipico del luogo che assolutamente dovete mangiare al Bar Sorgente ! Per il mare e il relax c’è la spiaggia di Guidaloca. La tonnara di Scopello (sempre in provincia di Trapani) è stata trasformata in un B&B e potete cenare con pane cunzato e sfincione.

SAN VITO LO CAPO, SPIAGGIA DEL GOLFO DI MACARI, LE TERME DI SEGESTA (provincia di Trapani): GUIDA VIAGGIO IN SICILIA

L’ itinerario di viaggio in Sicilia prosegue verso San Vito Lo Capo (in provincia di Trapani) con una sosta al Bar Cavalluccio Marino. Proseguite poi verso la spiaggia del Golfo di Macari, dove potete rilassarvi. Dopo il mare, andate a Erice: uno spettacolo unico da non perdere in un viaggio in Sicilia ! Ad Erice, fermatevi alla Pasticceria San Carlo, una tappa d’ hoc per i golosi ! Poi passate per Segesta (sempre in provincia di Trapani) e fate una picco­la sosta alle Terme Segestane.

ISOLA DI FAVIGNANA (provincia di Trapani): VACANZE IN SICILIA

Dal porto di Trapani si può lasciare l’ auto al parcheggio e una comodissima navetta vi porterà direttamente al molo di partenza dei traghetti per Favignana (è consigliato comprare i biglietti per Favignana qualche giorno prima, perché l’ afflusso di turisti è notevole). Appena sbarcati a Favignana, potete noleggiare uno scooter: è il modo mi­gliore per girare la piccola isola di Favignana (su cui, tra l’ altro, non si può portare la propria auto). Per il mare a Favignana, andate subito a Cala Rossa: è uno spettacolo uni­co, e non ha nulla da invidiare ai Caraibi ! Dopo un pò di relax a Cala Rossa, riprendete lo scooter e fate al­tre tappe alle spiagge del Bue Marino, Cala Grande, Cala Rotonda, Punta Sottile e Cala Azzurra. Poi, con l’ aliscafo, rientrate e tornate a Castellammare del Golfo.

COSTA SUD DELLA SICILIA: Realmonte, la Valle dei Templi e il Tempio dei Dioscuri (provincia di AGRIGENTO)

Lasciate la costa nord della Sicilia: le prossime tappe dell’ itinerario di viaggio sono in direzione sud. Dopo essere passati per Selinunte (nella parte meridionale della provincia di Trapani), arriverete a Realmonte (in provincia di Agrigento) dove c’è la favolosa Scala dei Turchi: una scogliera di colore bianco dalle peculiari for­me, vera e propria attrazione turistica da non perdere in una vacanza in Sicilia ! Per soggiornare c’è il B&B Terrazze di Montelusa che si trova proprio nel cuore del centro storico di Agrigento (per informazioni e prenotazioni, sito internet: www.terrazzedimontelusa.it). Ad Agrigento, visitate la Valle dei Templi (se ci andate al tramonto, potete godere di una visione notturna molto suggestiva). Sempre ad Agrigento, è da vedere il Tempio dei Dioscuri. Per mangiare c’è il ristorante Leon d’ Oro a San Leone e per i golosi è da non perdere un bel gelato al bar-pasticceria Le Cuspidi nel centro di Agrigento.

RAGUSA-IBLA

Lasciate Agrigento e, dopo oltre tre ore di viaggio, arrivate a Ragusa-Ibla, dove potete soggiornare al B&B Castello Vecchio (per informazioni e prenotazioni, sito internet: www.castellovecchio.net). A Ragusa-Ibla sono da vedere i giardini Iblei e il duo­mo di San Giorgio. Poi (con un autobus) potete andare a Ragusa a visi­tare la cattedrale. Per mangiare a Ragusa-Ibla c’è la Trattoria Candida, dove potete gustare un’ ottima cena a lume di candela !

ESTREMO SUD DELLA SICILIA: Isola delle Correnti, Portopalo di Capo Passero, Riserva di Vendicari, Parco Archeologico di SIRACUSA E NOTO

Lasciate Ragusa-Ibla e andate verso la punta più meridionale della Sicilia. Rilassatevi un pò all’ Isola delle Correnti (nel comune di Portopalo di Capo Passero, in provincia di Siracusa), e poi andare a visitare Porto Palo di Capo Passero. Passate poi per Marzamemi e fate una sosta alla Riserva di Vendicari per poi ar­rivare al Parco Archeologico di Siracusa che merita as­solutamente una visita ! Per il pernottamento, potete soggiornare all’ Holiday Inn Express Siracusa North. Poi partite per la meravigliosa Noto (sempre in provincia di Siracusa). Per mangiare a Noto è consigliata la Trattoria del Crocifìsso. Sempre a Noto, visitate la cattedrale, il Palazzo Ducezio, il te­atro, il Museo Civico e la Chiesa di San Carlo.

ETNA (Provincia di Catania): GUIDA VIAGGIO IN SICILIA

Da Siracusa dirigetevi verso l’ Etna (in provincia di Catania), dove potete soggiornare al B&B La Giara a Nicolosi che si trova proprio alle pendici dell’ Etna (per informazioni e prenotazioni, sito internet: www.giara.it). Andate al rifugio Sapienza, da dove partono le escursioni per l’ Etna. Oltre alle escursioni, potete anche passeggiare intorno ai crateri di Silvestri, dove il paesaggio è decisamente lunare. Scendendo dall’ Etna, passate per Zafferana, Milo, Acitrezza e arrivate ad Acicastello dove potete visitare il castello, per poi fare un giro in battello alle grotte di Ulisse: un itinerario che, dal Porto di Acitrezza, si estende fino al Porto Ulisse di Ognina. Tornate poi a Nicolosi, dove per mangiare c’è la Pizzeria 7+, consigliata per mangiare la famosa pizza al pistacchio. Gustatevi poi un’ ottima granita al Bar F.lli Vitale di Nicolosi.

Per altre utili informazioni di viaggio su cosa vedere sull’ Etna e dintorni, leggere anche l’ articolo correlato, Cliccare Qui: Itinerario di viaggio in Sicilia: l’ Etna (Catania). Vacanze, escursioni, parapendio e il parco fluviale di Alcantara

TAORMINA (provincia di Messina): VACANZE IN SICILIA

La vacanza volge ormai al termine ma, prima di tornare a prendere il traghetto a Messina, fate tappa a Taormina: merita una visita !

Booking.com

2 Commenti

  1. visto che andrò in vacanza in sicilia prenderò spunto da questo itenerario di viaggio!
    🙂

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.